Regione Veneto

Regole per riconoscere e difendersi dalle email ingannevoli

Pubblicata il 04/06/2022

Spesso capita di ricevere e-mail piuttosto anomale e dal contenuto "discutibile". Potresti infatti ricevere messaggi in un italiano poco comprensibile e/o contenente errori di testo veramente elementari, oppure in lingua inglese da qualcuno che non conosci affatto... Questo è il primo campanello di allarme che deve metterti in guardia!
 
Devi fare sempre attenzione ai link presenti nelle mail e ai file allegati.
 
Esiste infatti un tipo di truffa, denominata phishing, con la quale un malintenzionato cerca di ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali, fingendosi un'altra persona o un ente affidabile, come il tuo Comune di residenza o magari una banca.
 
Se non sei certo al 100% dell'autenticità del messaggio, allora è importante:
  1. Non cliccare mai sui link presenti nella mail.
  2. Non scaricare, né eseguire i file allegati (anche se fossero "apparentemente" dei semplici documenti Word, Excel o PDF).
  3. Non rispondere mai ai messaggi fornendo le proprie credenziali di posta elettronica e di altri servizi istituzionali e/o privati.
Come riconoscere l'autenticità di un messaggio?
Riconoscere l'autenticità di un messaggio non è sempre semplice, ma di seguito puoi trovare alcuni consigli sui controlli da seguire ogni volta che ricevi una mail:
 
  1. Osserva attentamente l'indirizzo email del mittente, non fermarti semplicemente al nome visualizzato in anteprima. Se l'indirizzo email non coincide con la denominazione visualizzata in anteprima potrebbe trattarsi di una email di phishing;
  2. Controlla scrupolosamente i collegamenti sui quali dovresti cliccare. La prima domanda che dovresti farti è: perché mi è stato inviato questo collegamento sul quale dovrei cliccare? Se noti una discrepanza tra l'indirizzo contenuto nel collegamento e quello incluso nella mail, probabilmente il link è contraffatto;
  3. Non aprire mai un allegato del quale non sei sicuro. Controlla attentamente il nome e l'estensione del file per cercare di capire se potrebbe trattarsi di un allegato malevolo.
 
Seguendo questi semplici consigli puoi difenderti egregiamente da buona parte delle mail di phishing.

Categorie Ced

Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto